Tasse e Fisco
 
Tasse & Fisco

(2021-02-19) Vaccino Covid per i lavoratori: le indicazioni del Garante

Solo il medico competente dell'assistenza ai lavoratori è titolato alla gestione delle informazioni e delle procedure concernenti la vaccinazione e la malattia da COVID 19 dei dipendenti, non il datore di lavoro . Lo afferma il Garante per la privacy  in un documento composto da una serie di faq concernenti l'argomento , piu che mai  attuale e complesso.

Da molte parti si sono sollevate richieste di precedenze per il vaccino ad alcuni settori lavorativi particolarmente a rischio di contagio come il commercio ;  altri hanno affermato che la vaccinazione deve essere imposta ad esmepio nel settore sanitario per la salvaguardia della salute di pazienti. 

il Garante è intervenuto affermando che  il datore di lavoro  non puo chiedere ai propri dipendenti  se si sono vaccinati o ottenere dal medico competente i nominativi dei lavoratori vaccinati, e neppure obbligare alla vaccinazione anti Covid-19  i dipendenti come condizione per l'accesso ai luoghi di lavoro e lo svolgimento di determinate mansioni.

La motivazione  è che solo il medico competente può trattare i dati sanitari dei lavoratori  come sono appunto quelli relativi alla vaccinazione, nell'ambito della sua mansione e responsabilita di sorveglianza sanitaria 

Il garante chiarisce che le informazioni non possono essere chieste e fornite   nemmeno con il consenso del lavoratore.

L'obbligo di vaccinazion anticovid puo comunque essere imposta in azienda dal medico competente  il quale «nella sua funzione di raccordo tra il sistema sanitario nazionale/locale e lo specifico contesto lavorativo e nel rispetto delle indicazioni fornite dalle autorità sanitarie anche in merito all'efficacia e all'affidabilità medico-scientifica del vaccino, può trattare i dati personali relativi alla vaccinazione dei dipendenti e, se del caso, tenerne conto in sede di valutazione dell'idoneità alla mansione specifica». 

Va sottolineato quindi che  Garante della privacy non discute l'opportunita di imporre unaa vaccinazione obbligatoria o meno ma precisa che il trattamento di tali dati e la gestione di queste situazioni va affidata al medico compentente e non puo essere gestita dal datore di lavoro in prima persona. Viene inoltre auspicata  una sollecita intervento da parte del legislatore in materia 

Stampa la notizia

Le altre Notizie
Leggibilità:   Carattere:   Dimensione:  
Liberatoria